ASH IS PUREST WHITE

di Jia Zhangke
ASH IS PUREST WHITE

Informazioni

Nazione: Cina

Anno: 2018

Durata: 150'

36° TORINO FILM FESTIVAL

Sezione:

Sinossi

Qiao è innamorata di Bin, un gangster locale e, durante uno scontro tra bande rivali, spara per proteggerlo. Per questo atto di lealtà, la donna viene condannata a cinque anni di prigione. Dopo il suo rilascio, va a cercare Bin per riprendere da dove si erano lasciati.

Regia

Jia Zhangke

Jia Zhangke

Jia Zhang Ke (Fenyang, Cina, 1970) si è laureato alla Film Academy di Pechino e nel 1998 ha realizzato il suo primo film, Pickpocket, che ha partecipato a numerosi festival internazionali come quelli di Berlino, Pusan e Buenos Aires. Ha poi diretto Platform (2000), presentato in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia e, nello stesso anno, il documentario In Public che ha vinto il Gran premio al Festival di Marsiglia. Ha girato quindi Unknown Pleasures (2002) che ha partecipato al Festival di Cannes, The World (2004) e Still Life (2006) che ha vinto il Leone d’oro a Venezia. Nel 2007 ha vinto
la sezione Orizzonti a Venezia con il documentario Useless e nel 2008 ha presentato, sempre a Venezia, il cortometraggio Cry Me a River.


Filmografia:
Xiao Wu (Pickpocket, 1998), Zhantai (Platform, 2000), Gong gong chang suo (In Public, doc., 2001), Ren xiao yao (Unknown Pleasures, 2002), Shijie (The World, 2004), Dong (cm, doc., 2006), Sanxia haoren (Still Life, 2006), Wuyong (Useless, doc., 2007), Er shi
si cheng ji
(24 City, 2008), Heshang aiqing (Cry Me a River, cm, 2008).

Cast and Credits

regia, sceneggiatura/director, screenplay
Jia Zhang-Ke
fotografia/cinematography
Eric Gautier
montaggio/film editing
Matthieu Laclau, Lin Xudong
scenografia/production design
Liu Weixin
musica/music
Lim Giong
suono/sound
Zhang Yang, Olivier Goinard
interpreti/cast
Zhao Tao, Liao Fan, Xu Zheng, Liang Casper, Feng Xiaogang, Diao Yinan, Zhang Yibai, Ding Jiali, Zhang Yi
produttore/producer
Ichiyama Shozo
produzione/production
Shanghai Film Group Corporation, Xstream Pictures, Xuanxi Media Group, Mk Productions
coproduttori/coproducers
Zhang Dong, Xiang Shaokun, Juliette Schrameck
coproduzione/coproduction
Arte France Cinema

**
contatti/contacts
Cinema srl
Rachel Greenwood
[email protected]
https://cinemasrl.com/

Dichiarazione regista

«La coppia nel film vive ai margini della società. Sopravvive sfidando l’ordine sociale ortodosso. Non ho deciso di difenderli, piuttosto di entrare in empatia con loro. Mi ricorda in qualche modo il primo decennio della mia carriera, quando era rischioso fare film che esprimessero la propria autenticità e le verità sulla società. Così mi sono buttato a scrivere la sceneggiatura come se scrivessi dei miei viaggi emotivi: la mia gioventù perduta e le mie fantasie sul futuro. Vivere, amare ed essere liberi. [...] Ora ho quarantotto anni di esperienze di vita e voglio usarli per raccontare una storia d’amore, ambientata in una Cina contemporanea che ha attraversato trasformazioni epiche e drammatiche. Mi rende consapevole che io stesso ho vissuto così, e che continuo a farlo».

Cronache


Sinossi Approfondisci

Qiao è innamorata di Bin, un gangster locale e, durante uno scontro tra bande rivali, spara per proteggerlo. Per questo atto di lealtà, la donna viene condannata a cinque anni di prigione. Dopo il suo rilascio, va a cercare Bin per riprendere da dove si erano lasciati.

Regia Tutto sui registi del film

Jia Zhangke

Jia Zhangke

Jia Zhang Ke (Fenyang, Cina, 1970) si è laureato alla Film Academy di Pechino e nel 1998 ha realizzato il suo primo film, Pickpocket, che ha partecipato a numerosi festival internazionali come quelli di Berlino, Pusan e Buenos Aires. Ha poi diretto Platform (2000), presentato in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia e, nello stesso anno, il documentario In Public che ha vinto il Gran premio al Festival di Marsiglia. Ha girato quindi Unknown Pleasures (2002) che ha partecipato al Festival di Cannes, The World (2004) e Still Life (2006) che ha vinto il Leone d’oro a Venezia. Nel 2007 ha vinto
la sezione Orizzonti a Venezia con il documentario Useless e nel 2008 ha presentato, sempre a Venezia, il cortometraggio Cry Me a River.


Filmografia:
Xiao Wu (Pickpocket, 1998), Zhantai (Platform, 2000), Gong gong chang suo (In Public, doc., 2001), Ren xiao yao (Unknown Pleasures, 2002), Shijie (The World, 2004), Dong (cm, doc., 2006), Sanxia haoren (Still Life, 2006), Wuyong (Useless, doc., 2007), Er shi
si cheng ji
(24 City, 2008), Heshang aiqing (Cry Me a River, cm, 2008).

Cast and Credits Scopri il cast del film

regia, sceneggiatura/director, screenplay
Jia Zhang-Ke
fotografia/cinematography
Eric Gautier
montaggio/film editing
Matthieu Laclau, Lin Xudong
scenografia/production design
Liu Weixin
musica/music
Lim Giong
suono/sound
Zhang Yang, Olivier Goinard
interpreti/cast
Zhao Tao, Liao Fan, Xu Zheng, Liang Casper, Feng Xiaogang, Diao Yinan, Zhang Yibai, Ding Jiali, Zhang Yi
produttore/producer
Ichiyama Shozo
produzione/production
Shanghai Film Group Corporation, Xstream Pictures, Xuanxi Media Group, Mk Productions
coproduttori/coproducers
Zhang Dong, Xiang Shaokun, Juliette Schrameck
coproduzione/coproduction
Arte France Cinema

**
contatti/contacts
Cinema srl
Rachel Greenwood
[email protected]
https://cinemasrl.com/

Dichiarazione regista Approfondisci

«La coppia nel film vive ai margini della società. Sopravvive sfidando l’ordine sociale ortodosso. Non ho deciso di difenderli, piuttosto di entrare in empatia con loro. Mi ricorda in qualche modo il primo decennio della mia carriera, quando era rischioso fare film che esprimessero la propria autenticità e le verità sulla società. Così mi sono buttato a scrivere la sceneggiatura come se scrivessi dei miei viaggi emotivi: la mia gioventù perduta e le mie fantasie sul futuro. Vivere, amare ed essere liberi. [...] Ora ho quarantotto anni di esperienze di vita e voglio usarli per raccontare una storia d’amore, ambientata in una Cina contemporanea che ha attraversato trasformazioni epiche e drammatiche. Mi rende consapevole che io stesso ho vissuto così, e che continuo a farlo».

Cronache Leggi le cronache