ATLAS

di David Nawrath
THE MOVER

Informazioni

Nazione: Germania

Anno: 2018

Durata: 100

36° TORINO FILM FESTIVAL

Sezione:

Sinossi

Walter ha sessant’anni e si occupa di traslochi in casi di sfratto. Roland Grone, il suo capo, lo considera il più leale e capace tra i dipendenti della sua ditta di traslochi e lo coinvolge in un rischioso affare immobiliare che comporta il riciclaggio di denaro per conto di un noto clan familiare. Il piano prevede che gli inquilini di un condominio in un quartiere degradato siano sfrattati e che le loro case siano rivendute, al fine di ricavarne enormi profitti. Tuttavia uno tra gli inquilini si oppone allo sfratto rifiutandosi di lasciare il proprio appartamento. Da quel momento qualcosa cambierà e Walter sarà costretto ad affrontare non solo il suo boss corrotto ma anche il suo passato.

Regia

David Nawrath

David Nawrath

David Nawrath (Berlino, Germania), di origini iraniane e tedesche, si trasferisce all’età di undici anni a Teheran, dove trascorre i due anni successivi. L’esperienza in Iran si rivela fondamentale per la realizzazione di Moharram (2005), il suo primo documentario, con il quale ha iniziato la carriera di regista. Nel 2005 inoltre, intraprende gli studi di regia alla Deutsche Film-und Fernsehakademie Berlin (Dffb). What’s Left, il suo primo cortometraggio, è stato nominato per il German Short Film Award e per l’European Film Academy Short. Nel 2011 è stato selezionato per la Résidence del Festival di Cannes a Parigi. Atlas, realizzato nel 2017, è il suo primo lungometraggio.

Filmografia:
Moharram - Jugend der ewigen Morgenröte (doc., 2005), Dunkle Zeit (cm, 2006), Was bleibt (What’s Left, cm, 2007), Eine Minute Freiheit (cm, 2008), Der Neue Tag (cm, 2009), Atlas (2017).


Cast and Credits

regia/director
David Nawrath
sceneggiatura/screenplay
David Nawrath, Paul Salisbury
fotografia/cinematography
Tobias von dem Borne
montaggio/film editing
Stefan Oliveira-Pita
scenografia/production design
Uli Friedrichs
costumi/costume design
Monika Gebauer
musica/music
Enis Rotthoff
suono/sound
Magnus Pflüger
interpreti e personaggi/cast and characters
Rainer Bock (Walter), Albrecht Schuch (Jan), Thorsten Merten (Alfred), Uwe Preuss (Roland), Roman Kanonik (Moussa), Nina Gummich (Julia)
produttori/producers
Britta Knöller, Hans-Christian Schmid
produzione/production
23/5 Filmproduktion GmbH
coproduzione/coproduction
WDR, Arte

**
contatti/contacts
23/5 Filmproduktion GmbH
Britta Knöller
info@235film.de

Dichiarazione regista

Con Atlas volevo fare un film che non aggredisse emotivamente lo spettatore. Al contrario, lo deve coinvolgere lentamente e serrare la presa man mano. Dal punto di vista stilistico, volevo che fosse diretto, senza trucchi e stratagemmi, ma che la trama fosse imprevedibile. Proprio come Walter, il protagonista, che è il centro della storia: una persona tranquilla, di basso profilo, che vive nel proprio intimo questo intenso dramma.

Cronache


Sinossi Approfondisci

Walter ha sessant’anni e si occupa di traslochi in casi di sfratto. Roland Grone, il suo capo, lo considera il più leale e capace tra i dipendenti della sua ditta di traslochi e lo coinvolge in un rischioso affare immobiliare che comporta il riciclaggio di denaro per conto di un noto clan familiare. Il piano prevede che gli inquilini di un condominio in un quartiere degradato siano sfrattati e che le loro case siano rivendute, al fine di ricavarne enormi profitti. Tuttavia uno tra gli inquilini si oppone allo sfratto rifiutandosi di lasciare il proprio appartamento. Da quel momento qualcosa cambierà e Walter sarà costretto ad affrontare non solo il suo boss corrotto ma anche il suo passato.

Regia Tutto sui registi del film

David Nawrath

David Nawrath

David Nawrath (Berlino, Germania), di origini iraniane e tedesche, si trasferisce all’età di undici anni a Teheran, dove trascorre i due anni successivi. L’esperienza in Iran si rivela fondamentale per la realizzazione di Moharram (2005), il suo primo documentario, con il quale ha iniziato la carriera di regista. Nel 2005 inoltre, intraprende gli studi di regia alla Deutsche Film-und Fernsehakademie Berlin (Dffb). What’s Left, il suo primo cortometraggio, è stato nominato per il German Short Film Award e per l’European Film Academy Short. Nel 2011 è stato selezionato per la Résidence del Festival di Cannes a Parigi. Atlas, realizzato nel 2017, è il suo primo lungometraggio.

Filmografia:
Moharram - Jugend der ewigen Morgenröte (doc., 2005), Dunkle Zeit (cm, 2006), Was bleibt (What’s Left, cm, 2007), Eine Minute Freiheit (cm, 2008), Der Neue Tag (cm, 2009), Atlas (2017).


Cast and Credits Scopri il cast del film

regia/director
David Nawrath
sceneggiatura/screenplay
David Nawrath, Paul Salisbury
fotografia/cinematography
Tobias von dem Borne
montaggio/film editing
Stefan Oliveira-Pita
scenografia/production design
Uli Friedrichs
costumi/costume design
Monika Gebauer
musica/music
Enis Rotthoff
suono/sound
Magnus Pflüger
interpreti e personaggi/cast and characters
Rainer Bock (Walter), Albrecht Schuch (Jan), Thorsten Merten (Alfred), Uwe Preuss (Roland), Roman Kanonik (Moussa), Nina Gummich (Julia)
produttori/producers
Britta Knöller, Hans-Christian Schmid
produzione/production
23/5 Filmproduktion GmbH
coproduzione/coproduction
WDR, Arte

**
contatti/contacts
23/5 Filmproduktion GmbH
Britta Knöller
info@235film.de

Dichiarazione regista Approfondisci

Con Atlas volevo fare un film che non aggredisse emotivamente lo spettatore. Al contrario, lo deve coinvolgere lentamente e serrare la presa man mano. Dal punto di vista stilistico, volevo che fosse diretto, senza trucchi e stratagemmi, ma che la trama fosse imprevedibile. Proprio come Walter, il protagonista, che è il centro della storia: una persona tranquilla, di basso profilo, che vive nel proprio intimo questo intenso dramma.

Cronache Leggi le cronache