LAND

di Babak Jalali
LAND - LAND

Informazioni

Nazione: Italia, Francia, Olanda, Messico

Anno: 2017

Durata: 111'

36° TORINO FILM FESTIVAL

Sezione:

Sinossi

Nella riserva indiana di Prairie Wolf vive la famiglia dei Denetclaw. Li raggiunge la notizia della morte di Floyd, il figlio minore, morto in combattimento in Afghanistan. Wesley, il più giovane dei figli ancora in vita, è un alcolista. La morte del fratello sembra non riguardarlo in alcun modo. Raymond, il fratello maggiore, è un ex alcolista con una moglie e due figli. Nonostante senta una forte responsabilità verso l’intera famiglia, Raymond si sente troppo impotente e chiuso in se stesso per fare qualcosa per loro. Fino a quando i problemi che hanno colpito i due fratelli lo obbligheranno a reagire e a tornare a essere un uomo.

Regia

Babak Jalali

Babak Jalali

Babak Jalali (Gorgan, Iran, 1978) è cresciuto a Londra. Si è laureato in studi dei Balcani e dell’Est Europa, e ha ottenuto un master in scienze politiche alla University College di Londra. Ha poi conseguito un master in regia presso la London Film School nel 2005. Il suo corto Heydar, an Afghan in Tehran, da lui scritto e diretto, è stato proiettato in oltre sessanta festival in tutto il mondo e ha ricevuto una nomination ai Bafta come miglior corto nel 2006. È stato scelto come uno dei sei residents presso la Cannes Film Festival Cinefondation Residence tra il 2006 e il 2007. Durante questa residenza ha sviluppato il suo primo lungometraggio Frontier Blues, uscito nel 2009. Il suo secondo lungometraggio, Radio Dreams, ha vinto a Rotterdam l’Hivos Tiger Competition Award nel 2016.

Filmografia:
Heydar, an Afghan in Tehran (cm, 2005), Frontier Blues (2009), Radio Dreams (2016)

Cast and Credits

regia, sceneggiatura/director, screenplay
Babak Jalali
fotografia/cinematography
Agnès Godard
montaggio/film editing
Nico Leunen
scenografia/production design
Dimitri Capuani
costumi/costume design
Carolina Olcese
musica/music
Jozef van Wissem
suono/sound
Eddy de Cloe, Stefano Grosso
interpreti e personaggi/cast and characters
Rod Rondeaux (Raymond Denetclaw), Florence Klein (Sally), Wilma Pelly (Mary Denetclaw), James Coleman (Wesley Denetclaw), Georgina Lightning (Bettie), Antonia Steinberg (Rosie)
produttori/producers
Ginevra Elkann, Christophe Audeguis
produzione/production
Asmara Films, the cup of tea
coproduttori/coproducers
Gianfranco Barbagallo, Gabriel Stavenhagen, Julio Chavezmontes
coproduzione/coproduction
Topkapi Films, Piano, To Be Continued

**
contatti/contacts
Asmara Films
Alessandra Ibbadu
[email protected]
www.asmarafilms.com

Dichiarazione regista

«Mi hanno da sempre affascinato le comunità “perdute” e le terre da tempo dimenticate. Con Land ho voluto raccontare una di quelle comunità, una tribù di nativi americani che abita in una delle riserve indiane degli Stati Uniti. L’aspetto che più mi interessava della vita contemporanea nelle riserve è come questa sia influenzata dal rapporto tra la comunità indiana e quella dei non-indiani (ovvero i bianchi), sia a livello locale sia nazionale».

Cronache


Sinossi Approfondisci

Nella riserva indiana di Prairie Wolf vive la famiglia dei Denetclaw. Li raggiunge la notizia della morte di Floyd, il figlio minore, morto in combattimento in Afghanistan. Wesley, il più giovane dei figli ancora in vita, è un alcolista. La morte del fratello sembra non riguardarlo in alcun modo. Raymond, il fratello maggiore, è un ex alcolista con una moglie e due figli. Nonostante senta una forte responsabilità verso l’intera famiglia, Raymond si sente troppo impotente e chiuso in se stesso per fare qualcosa per loro. Fino a quando i problemi che hanno colpito i due fratelli lo obbligheranno a reagire e a tornare a essere un uomo.

Regia Tutto sui registi del film

Babak Jalali

Babak Jalali

Babak Jalali (Gorgan, Iran, 1978) è cresciuto a Londra. Si è laureato in studi dei Balcani e dell’Est Europa, e ha ottenuto un master in scienze politiche alla University College di Londra. Ha poi conseguito un master in regia presso la London Film School nel 2005. Il suo corto Heydar, an Afghan in Tehran, da lui scritto e diretto, è stato proiettato in oltre sessanta festival in tutto il mondo e ha ricevuto una nomination ai Bafta come miglior corto nel 2006. È stato scelto come uno dei sei residents presso la Cannes Film Festival Cinefondation Residence tra il 2006 e il 2007. Durante questa residenza ha sviluppato il suo primo lungometraggio Frontier Blues, uscito nel 2009. Il suo secondo lungometraggio, Radio Dreams, ha vinto a Rotterdam l’Hivos Tiger Competition Award nel 2016.

Filmografia:
Heydar, an Afghan in Tehran (cm, 2005), Frontier Blues (2009), Radio Dreams (2016)

Cast and Credits Scopri il cast del film

regia, sceneggiatura/director, screenplay
Babak Jalali
fotografia/cinematography
Agnès Godard
montaggio/film editing
Nico Leunen
scenografia/production design
Dimitri Capuani
costumi/costume design
Carolina Olcese
musica/music
Jozef van Wissem
suono/sound
Eddy de Cloe, Stefano Grosso
interpreti e personaggi/cast and characters
Rod Rondeaux (Raymond Denetclaw), Florence Klein (Sally), Wilma Pelly (Mary Denetclaw), James Coleman (Wesley Denetclaw), Georgina Lightning (Bettie), Antonia Steinberg (Rosie)
produttori/producers
Ginevra Elkann, Christophe Audeguis
produzione/production
Asmara Films, the cup of tea
coproduttori/coproducers
Gianfranco Barbagallo, Gabriel Stavenhagen, Julio Chavezmontes
coproduzione/coproduction
Topkapi Films, Piano, To Be Continued

**
contatti/contacts
Asmara Films
Alessandra Ibbadu
[email protected]
www.asmarafilms.com

Dichiarazione regista Approfondisci

«Mi hanno da sempre affascinato le comunità “perdute” e le terre da tempo dimenticate. Con Land ho voluto raccontare una di quelle comunità, una tribù di nativi americani che abita in una delle riserve indiane degli Stati Uniti. L’aspetto che più mi interessava della vita contemporanea nelle riserve è come questa sia influenzata dal rapporto tra la comunità indiana e quella dei non-indiani (ovvero i bianchi), sia a livello locale sia nazionale».

Cronache Leggi le cronache