MARGEM SUL

di José Álvaro Morais
MARGEM SUL - MARGEM SUL

Informazioni

Nazione: Portogallo

Anno: 1994

Durata: 25'

35° TORINO FILM FESTIVAL

Sezione:

Sinossi

Realizzato con i tagli di Zéfiro, film commissionato dalla tv pubblica portoghese e prodotto da Joaquim Pinto. Lisbona, il confine ultimo del Mediterraneo che si lega all’Atlantico attraverso l’estuario sconfinato del fiume Tago. A solcarlo, in modo continuo e incessante, i cacilheiros, i battelli di pubblico trasporto che collegano le sponde del fiume. Da un lato le pianure dell’Alentejo, il cui margine meridionale è la catena montuosa dell’Algarve, terra in cui convivono da terra di popolazioni diverse; dall’altro le distese dell’Atlantico, che del Mediterraneo sembra una continuazione. [mp]

Regia

Jose Alvaro Morais

Jose Alvaro Morais

José Álvaro Morais (Coimbra, Portogallo, 1943 - Lisbona, Portogallo, 2004) frequenta dapprima la facoltà di medicina a Lisbona; nel 1969 si trasferisce a Bruxelles, dove si iscrive all’Institut national supérieur des arts du spéctacle et des téchniques de diffusion ed è allievo di André Delvaux, Ghislain Cloquet e Michel Fano. Qui inizia la sua attività di cineasta, dirigendo i cortometraggi The Upper Room (1972) ed El día que me quieras (1973). Tornato in Portogallo nel 1974, in piena rivoluzione dei garofani, realizza il mediometraggio Domus de Bragança (1975) e il film per la tv Cantigamente N°3 (1975). Esordisce quindi nel lungometraggio con Ma Femme Chamada Bicho (1976), a cui fanno seguito O Bobo (1987), Pardo d’oro al Festival di Locarno, e fra gli altri il mediometraggio Zéfiro (1994), presentato ancora a Locarno, e i lunghi Peixe Lua (2000) e Quaresma (2003), presentato a Cannes. Nel 2006 il film Silêncios do Olhar di José Nascimento ha ricostruito la sua vita e la sua carriera.

Filmografia:
The Upper Room (cm, 1972), El día que me quieras (cm, 973), Domus de Bragança (mm, 1975), Cantigamente N°3 (tv, 1975), Ma Femme Chamada Bicho (1976), O Bobo (1987), Margem Sul (cm, 1994), Zéfiro (mm, 1994), Peixe Lua (2000), Os 25 Anos do Teatro da Cornucópia (2000), Quaresma (2003).

Cast and Credits

regia/director
José Álvaro Morais
soggetto, sceneggiatura/story, screenplay
Jorge Marecos Duarte, José Álvaro Morais, António Câmara Manoel
fotografia/cinematography
Edgar Moura
montaggio/film editing
José Manuel Lopes, Claudio Martinez
scenografia/production design
João Calvário
musica/music
Carlos Azevedo
suono/sound
Stephan Konken
interpreti/cast
Fernando Heitor, João Calvário, Luís Miguel Cintra, Marcello Urghege, Paula Guedes, Paulo Pires, Rafael Godinho, Ricardo Colares
produttore/producer
Joaquim Pinto
produzione/production
Radiotelevisão Portuguesa, Ger

Sinossi Approfondisci

Realizzato con i tagli di Zéfiro, film commissionato dalla tv pubblica portoghese e prodotto da Joaquim Pinto. Lisbona, il confine ultimo del Mediterraneo che si lega all’Atlantico attraverso l’estuario sconfinato del fiume Tago. A solcarlo, in modo continuo e incessante, i cacilheiros, i battelli di pubblico trasporto che collegano le sponde del fiume. Da un lato le pianure dell’Alentejo, il cui margine meridionale è la catena montuosa dell’Algarve, terra in cui convivono da terra di popolazioni diverse; dall’altro le distese dell’Atlantico, che del Mediterraneo sembra una continuazione. [mp]

Regia Tutto sui registi del film

Jose Alvaro Morais

Jose Alvaro Morais

José Álvaro Morais (Coimbra, Portogallo, 1943 - Lisbona, Portogallo, 2004) frequenta dapprima la facoltà di medicina a Lisbona; nel 1969 si trasferisce a Bruxelles, dove si iscrive all’Institut national supérieur des arts du spéctacle et des téchniques de diffusion ed è allievo di André Delvaux, Ghislain Cloquet e Michel Fano. Qui inizia la sua attività di cineasta, dirigendo i cortometraggi The Upper Room (1972) ed El día que me quieras (1973). Tornato in Portogallo nel 1974, in piena rivoluzione dei garofani, realizza il mediometraggio Domus de Bragança (1975) e il film per la tv Cantigamente N°3 (1975). Esordisce quindi nel lungometraggio con Ma Femme Chamada Bicho (1976), a cui fanno seguito O Bobo (1987), Pardo d’oro al Festival di Locarno, e fra gli altri il mediometraggio Zéfiro (1994), presentato ancora a Locarno, e i lunghi Peixe Lua (2000) e Quaresma (2003), presentato a Cannes. Nel 2006 il film Silêncios do Olhar di José Nascimento ha ricostruito la sua vita e la sua carriera.

Filmografia:
The Upper Room (cm, 1972), El día que me quieras (cm, 973), Domus de Bragança (mm, 1975), Cantigamente N°3 (tv, 1975), Ma Femme Chamada Bicho (1976), O Bobo (1987), Margem Sul (cm, 1994), Zéfiro (mm, 1994), Peixe Lua (2000), Os 25 Anos do Teatro da Cornucópia (2000), Quaresma (2003).

Cast and Credits Scopri il cast del film

regia/director
José Álvaro Morais
soggetto, sceneggiatura/story, screenplay
Jorge Marecos Duarte, José Álvaro Morais, António Câmara Manoel
fotografia/cinematography
Edgar Moura
montaggio/film editing
José Manuel Lopes, Claudio Martinez
scenografia/production design
João Calvário
musica/music
Carlos Azevedo
suono/sound
Stephan Konken
interpreti/cast
Fernando Heitor, João Calvário, Luís Miguel Cintra, Marcello Urghege, Paula Guedes, Paulo Pires, Rafael Godinho, Ricardo Colares
produttore/producer
Joaquim Pinto
produzione/production
Radiotelevisão Portuguesa, Ger