RICCARDO VA ALL'INFERNO

di Roberta Torre
RICCARDO VA ALL'INFERNO - RICCARDO VA ALL'INFERNO

Informazioni

Nazione: Italia

Anno: 2017

Durata: 91'

35° TORINO FILM FESTIVAL

Sezione:

Sinossi

In un fantastico regno alle porte di Roma, vive in un decadente castello la nobile casata dei Mancini, che gestisce un florido traffico di droga e malaffare. Riccardo Mancini è da sempre in lotta con i fratelli per la supremazia e il comando in famiglia, dominata dagli uomini ma retta nell’ombra dalla potente Regina Madre, grande tessitrice di equilibri perversi. Un tragico e oscuro incidente l’ha reso zoppo e storpio fin dalla tenera età, minando fortemente la sua salute mentale e obbligandolo a trascorrere anni in un ospedale psichiatrico. Tornato a casa, apparentemente guarito, Riccardo inizia a tramare per assicurarsi attivamente il possesso della corona, assassinando chiunque ostacoli la sua scalata al potere. Ma quando diventa re, perde tutto... [rm]

Regia

Roberta Torre

Roberta Torre

Roberta Torre (Milano, 1962) inizia a dirigere documentari e cortometraggi, tra cui Le anime corte nel 1994, premiato al Torino Film Festival. Esordisce nel lungometraggio nel 1997 con il musical Tano da morire, per cui ottiene i premi Kodak, Fedic e Luigi De Laurentiis alla Mostra di Venezia e il David di Donatello per la miglior regista esordiente. Successivamente dirige Sud Side Stori (2000), Angela (2002), Mare Nero (2006), con cui partecipa in concorso a Locarno, I baci mai dati (2010), tratto dal suo omonimo romanzo e insignito del premio Brian a Venezia e presentato al Sundance. Parallelamente alla carriera cinematografica lavora come regista teatrale e scrittrice: oltre al già citato I baci mai dati, nel 2014 pubblica Il colore è una variabile dell’infinito.   

Filmografia:
Cronica (cm, 1989), Senti amor mio? (cm, 1994), Le anime corte (cm, 1994), Spioni (cm, doc., 1995), Appunti per un film su Tano (cm, doc., 1995), Palermo bandita (cm, doc., 1996), Tano da morire (1997), Sud Side Stori (2000), Il viaggio lungo di Arul, Rani e Vivetas (doc., 2002), Angela (2002), La malacanzone (doc., 2005), Mare Nero (2006), All Human Rights for All (ep. La fabbrica, cm, doc., 2008), La notte quando è morto Pasolini (cm, doc., 2009), Itiburtinoterzo (cm, doc., 2009), I baci mai dati (2010), Riccardo va all’inferno (2017).

Cast and Credits

regia/director
Roberta Torre
soggetto/story
Roberta Torre, Valerio Bariletti, Claudio Casadio
sceneggiatura/screenplay
Roberta Torre, Valerio Bariletti
fotografia/cinematography
Matteo Cocco
montaggio/film editing
Giogiò Franchini
scenografia/production design
Luca Servino
costumi/costume design
Massimo Cantini Parrini
musica/music
Mauro Pagani
suono/sound
Filippo Porcari
interpreti/cast
Massimo Ranieri, Sonia Bergamasco, Silvia Gallerano, Ivan Franek, Silvia Calderoni, Teodoro Giambanco, Michelangelo Dalisi, Antonello Lo Coco, Matilde Diana, Tommaso Ragno
produttore/producer
Paolo Guerra
produzione/production
Agidi, Rosebud Entertainment Pictures

**
contatti/contacts
Agidi
Paolo Guerra
paolo.guerra@agidi.it
www.agidi.it

Dichiarazione regista

«Ho immaginato un Riccardo III che fosse maschera tragica e comica al tempo stesso, così Massimo Ranieri per interpretarlo attinge alla commedia dell’arte ma anche ai supereroi Marvel».

Sinossi Approfondisci

In un fantastico regno alle porte di Roma, vive in un decadente castello la nobile casata dei Mancini, che gestisce un florido traffico di droga e malaffare. Riccardo Mancini è da sempre in lotta con i fratelli per la supremazia e il comando in famiglia, dominata dagli uomini ma retta nell’ombra dalla potente Regina Madre, grande tessitrice di equilibri perversi. Un tragico e oscuro incidente l’ha reso zoppo e storpio fin dalla tenera età, minando fortemente la sua salute mentale e obbligandolo a trascorrere anni in un ospedale psichiatrico. Tornato a casa, apparentemente guarito, Riccardo inizia a tramare per assicurarsi attivamente il possesso della corona, assassinando chiunque ostacoli la sua scalata al potere. Ma quando diventa re, perde tutto... [rm]

Regia Tutto sui registi del film

Roberta Torre

Roberta Torre

Roberta Torre (Milano, 1962) inizia a dirigere documentari e cortometraggi, tra cui Le anime corte nel 1994, premiato al Torino Film Festival. Esordisce nel lungometraggio nel 1997 con il musical Tano da morire, per cui ottiene i premi Kodak, Fedic e Luigi De Laurentiis alla Mostra di Venezia e il David di Donatello per la miglior regista esordiente. Successivamente dirige Sud Side Stori (2000), Angela (2002), Mare Nero (2006), con cui partecipa in concorso a Locarno, I baci mai dati (2010), tratto dal suo omonimo romanzo e insignito del premio Brian a Venezia e presentato al Sundance. Parallelamente alla carriera cinematografica lavora come regista teatrale e scrittrice: oltre al già citato I baci mai dati, nel 2014 pubblica Il colore è una variabile dell’infinito.   

Filmografia:
Cronica (cm, 1989), Senti amor mio? (cm, 1994), Le anime corte (cm, 1994), Spioni (cm, doc., 1995), Appunti per un film su Tano (cm, doc., 1995), Palermo bandita (cm, doc., 1996), Tano da morire (1997), Sud Side Stori (2000), Il viaggio lungo di Arul, Rani e Vivetas (doc., 2002), Angela (2002), La malacanzone (doc., 2005), Mare Nero (2006), All Human Rights for All (ep. La fabbrica, cm, doc., 2008), La notte quando è morto Pasolini (cm, doc., 2009), Itiburtinoterzo (cm, doc., 2009), I baci mai dati (2010), Riccardo va all’inferno (2017).

Cast and Credits Scopri il cast del film

regia/director
Roberta Torre
soggetto/story
Roberta Torre, Valerio Bariletti, Claudio Casadio
sceneggiatura/screenplay
Roberta Torre, Valerio Bariletti
fotografia/cinematography
Matteo Cocco
montaggio/film editing
Giogiò Franchini
scenografia/production design
Luca Servino
costumi/costume design
Massimo Cantini Parrini
musica/music
Mauro Pagani
suono/sound
Filippo Porcari
interpreti/cast
Massimo Ranieri, Sonia Bergamasco, Silvia Gallerano, Ivan Franek, Silvia Calderoni, Teodoro Giambanco, Michelangelo Dalisi, Antonello Lo Coco, Matilde Diana, Tommaso Ragno
produttore/producer
Paolo Guerra
produzione/production
Agidi, Rosebud Entertainment Pictures

**
contatti/contacts
Agidi
Paolo Guerra
paolo.guerra@agidi.it
www.agidi.it

Dichiarazione regista Approfondisci

«Ho immaginato un Riccardo III che fosse maschera tragica e comica al tempo stesso, così Massimo Ranieri per interpretarlo attinge alla commedia dell’arte ma anche ai supereroi Marvel».