LA MADRE, EL HIJO Y LA ABUELA

di Benjamín Brunet
MOTHER, SON & GRANDMOTHER - MADRE, FIGLIO E NONNA

Informazioni

Nazione: Cile

Anno: 2017

Durata: 84'

35° TORINO FILM FESTIVAL

Sezione:

Sinossi

Dopo l’eruzione del vulcano che la sovrasta, la città cilena di Chaitén, nella provincia di Palena, è ridotta a un luogo fantasma. Fra macerie e case abbandonate si aggira Cristóbal, tornato nella sua città natale per un progetto fotografico che lo aiuti a recuperare le sue radici. Dopo alcuni giorni di solitudine, Cristóbal incontra due donne, la tabaccaia Ana e l’anziana madre María, e poco alla volta entra nelle loro vite trovando l’affetto e la famiglia che non ha mai avuto. [rm]

Regia

Benjamin Brunet

Benjamin  Brunet

Benjamín Brunet (Cile, 1988) è regista, sceneggiatore, montatore e addetto al suono. Ha diretto il suo primo cortometraggio di finzione, Ritmo de la creación, nel 2009, una riflessione sul rapporto fra immagine e musica, a cui sono seguiti nel 2017 il progetto di finzione La madre, el hijo y la abuela e il corto documentario Agua negra, girato nella Patagonia cilena e dedicato al problema dell’inquinamento ambientale della regione. Ha creato e dirige la casa di produzione La Casa Tortuga.

Filmografia:
Ritmo de la creación (2009), La madre, el hijo y la abuela (2017), Agua negra (cm, doc., 2017).

Cast and Credits

regia, sceneggiatura/director, screenplay
Benjamín Brunet
fotografia/cinematography
Gonzalo Aburto
montaggio/film editing
Roland Rodriguez
scenografia/production design
Cynthia Ferrada
costumi/costume design
Alejandro Cárdenas
musica/music
Pedro Chávez
suono/sound
Beatriz Chenevey, Osvaldo Weber
interpreti e personaggi/cast and character
Gonzalo Aburto (Cristóbal), Ana Gallegos (Ana), María Muñoz (María)
produttore/producer
Markus Wilder
produzione/production
La Casa Tortuga, Infractor Producciones
coproduttore/coproducer
Geneviève Lemal
coproduzione/coproduction
Scope Pictures

**
contatti/contacts
Infractor
Alejandro Ugarte
ugarte@infractor.cl

Dichiarazione regista

«Questo film è dedicato al mio defunto papà e a tutte le persone che hanno vissuto il dolore per la perdita di qualcuno molto caro. È un lavoro che cerca di catturare il tempo e mantenere vivi i momenti intimi e familiari di cui è fatta la vita. Per ingannare la morte e il tempo». 

Sinossi Approfondisci

Dopo l’eruzione del vulcano che la sovrasta, la città cilena di Chaitén, nella provincia di Palena, è ridotta a un luogo fantasma. Fra macerie e case abbandonate si aggira Cristóbal, tornato nella sua città natale per un progetto fotografico che lo aiuti a recuperare le sue radici. Dopo alcuni giorni di solitudine, Cristóbal incontra due donne, la tabaccaia Ana e l’anziana madre María, e poco alla volta entra nelle loro vite trovando l’affetto e la famiglia che non ha mai avuto. [rm]

Regia Tutto sui registi del film

Benjamin Brunet

Benjamin  Brunet

Benjamín Brunet (Cile, 1988) è regista, sceneggiatore, montatore e addetto al suono. Ha diretto il suo primo cortometraggio di finzione, Ritmo de la creación, nel 2009, una riflessione sul rapporto fra immagine e musica, a cui sono seguiti nel 2017 il progetto di finzione La madre, el hijo y la abuela e il corto documentario Agua negra, girato nella Patagonia cilena e dedicato al problema dell’inquinamento ambientale della regione. Ha creato e dirige la casa di produzione La Casa Tortuga.

Filmografia:
Ritmo de la creación (2009), La madre, el hijo y la abuela (2017), Agua negra (cm, doc., 2017).

Cast and Credits Scopri il cast del film

regia, sceneggiatura/director, screenplay
Benjamín Brunet
fotografia/cinematography
Gonzalo Aburto
montaggio/film editing
Roland Rodriguez
scenografia/production design
Cynthia Ferrada
costumi/costume design
Alejandro Cárdenas
musica/music
Pedro Chávez
suono/sound
Beatriz Chenevey, Osvaldo Weber
interpreti e personaggi/cast and character
Gonzalo Aburto (Cristóbal), Ana Gallegos (Ana), María Muñoz (María)
produttore/producer
Markus Wilder
produzione/production
La Casa Tortuga, Infractor Producciones
coproduttore/coproducer
Geneviève Lemal
coproduzione/coproduction
Scope Pictures

**
contatti/contacts
Infractor
Alejandro Ugarte
ugarte@infractor.cl

Dichiarazione regista Approfondisci

«Questo film è dedicato al mio defunto papà e a tutte le persone che hanno vissuto il dolore per la perdita di qualcuno molto caro. È un lavoro che cerca di catturare il tempo e mantenere vivi i momenti intimi e familiari di cui è fatta la vita. Per ingannare la morte e il tempo».