LES VIES DE THÉRÈSE

di Sébastien Lifshitz
LES VIES DE THÉRÈSE - LES VIES DE THÉRÈSE

Informazioni

Nazione: Francia

Anno: 2016

Durata: 55'

34° TORINO FILM FESTIVAL

Sezione:

Sinossi

Thérèse Clerc ha speso la sua vita in mille battaglie: dal diritto all’aborto alla parità sessuale fino ai diritti per gli omosessuali. Dopo aver scoperto di essere stata colpita da un male incurabile, ha deciso di raccontarsi, con dolcezza ma senza perdere la tenacia e la lucidità che l’hanno sempre contraddistinta, parlando della sua esistenza, delle sue lotte, di ciò che ha amato.

Regia

Sébastien Lifshitz

Sébastien  Lifshitz

Sébastien Lifshitz (Neuilly-sur-Seine, Francia, 1968) ha esordito nel 1996 con il cortometraggio Il faut que je l’aime. Sono seguiti Claire Denis la vagabonde (1996), il mediometraggio Les corps ouverts (1998), insignito del premio Jean Vigo, Quasi niente (2000), suo primo lungometraggio, La traversée (2001), presentato al Festival di Cannes nella Quinzane des réalisateurs, Wild Side (2004), con cui ha vinto il Teddy Award alla Berlinale, Plein sud - Andando a sud (2009), Les invisibles (2012), premiato come miglior documentario ai César, e Bambi (2013). Con Les vies de Thérése (2016) ha vinto la Queer Palm all’ultimo Festival di Cannes. 

Filmografia:
Il faut que je l’aime (cm, 1996), Claire Denis la vagabonde (doc., 1996), Les corps ouverts (mm, 1998), Presque rien (Quasi niente, 2000), La traversée (doc., 2001), Wild Side (2004), Plein sud (Plein sud - Andando a sud, 2009), Les invisibles (doc., 2012), Bambi (doc., 2013), Les vies de Thérése (doc., 2016). 

Cast and Credits

regia/director
Sébastien Lifshitz
fotografia/cinematography
Paul Guilhaume
montaggio/film editing
Pauline Gaillard
suono/sound
Clément Laforce, Yolende Decarsin
interprete/cast
Thérèse Clerc
produttore/producer
Muriel Meynard
produzione/production
Agat Films, Cie


contatti/contacts
Doc & Film
Hannah Horner
h.horner@docandfilm.com
www.docandfilm.com

Dichiarazione regista

«Nella storia del cinema ci sono poche storie di sofferenza come questa. Quelle che si trovano, però, sono memorabili. Tra quelle che mi hanno colpito, ci sono Lampi sull’acqua - Nick’s Movie di Wenders, My Sister Yoka di Johan van der Keuken, No Home Movie di Chantal Akerman o il film di Naomi Kawase sulla nonna. Grazie a questi lavori documentari, ho capito subito che non volevo fare un film in cui la morte, in qualche modo, fosse favorita, e trionfasse alla fine della storia. Al contrario, ho deciso che il film dovesse stare dalla parte della vita, così da proseguire l’opera e le lotte di Thérèse».

Sinossi Approfondisci

Thérèse Clerc ha speso la sua vita in mille battaglie: dal diritto all’aborto alla parità sessuale fino ai diritti per gli omosessuali. Dopo aver scoperto di essere stata colpita da un male incurabile, ha deciso di raccontarsi, con dolcezza ma senza perdere la tenacia e la lucidità che l’hanno sempre contraddistinta, parlando della sua esistenza, delle sue lotte, di ciò che ha amato.

Regia Tutto sui registi del film

Sébastien Lifshitz

Sébastien  Lifshitz

Sébastien Lifshitz (Neuilly-sur-Seine, Francia, 1968) ha esordito nel 1996 con il cortometraggio Il faut que je l’aime. Sono seguiti Claire Denis la vagabonde (1996), il mediometraggio Les corps ouverts (1998), insignito del premio Jean Vigo, Quasi niente (2000), suo primo lungometraggio, La traversée (2001), presentato al Festival di Cannes nella Quinzane des réalisateurs, Wild Side (2004), con cui ha vinto il Teddy Award alla Berlinale, Plein sud - Andando a sud (2009), Les invisibles (2012), premiato come miglior documentario ai César, e Bambi (2013). Con Les vies de Thérése (2016) ha vinto la Queer Palm all’ultimo Festival di Cannes. 

Filmografia:
Il faut que je l’aime (cm, 1996), Claire Denis la vagabonde (doc., 1996), Les corps ouverts (mm, 1998), Presque rien (Quasi niente, 2000), La traversée (doc., 2001), Wild Side (2004), Plein sud (Plein sud - Andando a sud, 2009), Les invisibles (doc., 2012), Bambi (doc., 2013), Les vies de Thérése (doc., 2016). 

Cast and Credits Scopri il cast del film

regia/director
Sébastien Lifshitz
fotografia/cinematography
Paul Guilhaume
montaggio/film editing
Pauline Gaillard
suono/sound
Clément Laforce, Yolende Decarsin
interprete/cast
Thérèse Clerc
produttore/producer
Muriel Meynard
produzione/production
Agat Films, Cie


contatti/contacts
Doc & Film
Hannah Horner
h.horner@docandfilm.com
www.docandfilm.com

Dichiarazione regista Approfondisci

«Nella storia del cinema ci sono poche storie di sofferenza come questa. Quelle che si trovano, però, sono memorabili. Tra quelle che mi hanno colpito, ci sono Lampi sull’acqua - Nick’s Movie di Wenders, My Sister Yoka di Johan van der Keuken, No Home Movie di Chantal Akerman o il film di Naomi Kawase sulla nonna. Grazie a questi lavori documentari, ho capito subito che non volevo fare un film in cui la morte, in qualche modo, fosse favorita, e trionfasse alla fine della storia. Al contrario, ho deciso che il film dovesse stare dalla parte della vita, così da proseguire l’opera e le lotte di Thérèse».