NANA

di Luciana Decker
NANA

Informazioni

Nazione: Bolivia

Anno: 2016

Durata: 65'

34° TORINO FILM FESTIVAL

Sezione:

Sinossi

Hilaria lavora da circa quarant’anni come domestica per la famiglia di Luciana. Quest’ultima decide di riprendere il loro rapporto quotidiano con la videocamera, così da indagare i sentimenti e le abitudini che uniscono le loro vite. Le riprese vanno avanti per quattro anni, un periodo in cui le distanze tra le due appaiono tanto siderali quanto impercettibili, come in un misterioso gioco di vicinanza e lontananza al quale non si possono sottrarre. 

Regia

Luciana Decker

Luciana Decker

Luciana Decker (1993) studia antropologia a La Paz, in Bolivia. Ha seguito corsi e seminari presso la Escuela popular para la comunicación e la Eca e ha lavorato come assistente alla regia, operatrice e fotografa di scena in diverse produzioni. Come regista ha esordito con il cortometraggio Erasmo, a cui è seguito Nancy vs Hector. Nana rappresenta il suo esordio nel lungometraggio. 

Filmografia:
Nana (doc., 2016).

Cast and Credits

regia, fotografia/director, cinematography
Luciana Decker
montaggio, produttori/film editing, producers
Miguel Hilari, Gilmar Gonzales, Joaquín Tapia, Simón Avilés, Luciana Decker
suono/sound
Carlos Gutierrez
interpreti/cast
Hilaria Huaycho, Ayda Huaycho, Julia Huaycho, Fermín Huaycho, Helena Huaycho, Janeth Huaycho, Francisca Huaycho, Pablo Choque


contatti/contacts
Luciana Decker
luciana.decker0@gmail.com

Dichiarazione regista

«Tutte le riprese di Nana sono state effettuate con la mia videocamera portatile. Ho iniziato a fare filmati domestici su Hilaria senza una precisa intenzione e quando poi ho deciso di realizzare un film su di lei ho continuato nello stesso modo. Credo che sia l’unico modo per rappresentare la nostra relazione intima. La struttura del film ha preso forma durante il suo stesso svolgimento. […] Le scene con Hilaria mostrano la distanza fisica, sociale e culturale che ci separa, e attraverso quest’ottica ho maturato un nuovo sguardo sia su di lei sia su di me; su tutto ciò che riguarda “me” e ciò che riguarda “lei”».

Sinossi Approfondisci

Hilaria lavora da circa quarant’anni come domestica per la famiglia di Luciana. Quest’ultima decide di riprendere il loro rapporto quotidiano con la videocamera, così da indagare i sentimenti e le abitudini che uniscono le loro vite. Le riprese vanno avanti per quattro anni, un periodo in cui le distanze tra le due appaiono tanto siderali quanto impercettibili, come in un misterioso gioco di vicinanza e lontananza al quale non si possono sottrarre. 

Regia Tutto sui registi del film

Luciana Decker

Luciana Decker

Luciana Decker (1993) studia antropologia a La Paz, in Bolivia. Ha seguito corsi e seminari presso la Escuela popular para la comunicación e la Eca e ha lavorato come assistente alla regia, operatrice e fotografa di scena in diverse produzioni. Come regista ha esordito con il cortometraggio Erasmo, a cui è seguito Nancy vs Hector. Nana rappresenta il suo esordio nel lungometraggio. 

Filmografia:
Nana (doc., 2016).

Cast and Credits Scopri il cast del film

regia, fotografia/director, cinematography
Luciana Decker
montaggio, produttori/film editing, producers
Miguel Hilari, Gilmar Gonzales, Joaquín Tapia, Simón Avilés, Luciana Decker
suono/sound
Carlos Gutierrez
interpreti/cast
Hilaria Huaycho, Ayda Huaycho, Julia Huaycho, Fermín Huaycho, Helena Huaycho, Janeth Huaycho, Francisca Huaycho, Pablo Choque


contatti/contacts
Luciana Decker
luciana.decker0@gmail.com

Dichiarazione regista Approfondisci

«Tutte le riprese di Nana sono state effettuate con la mia videocamera portatile. Ho iniziato a fare filmati domestici su Hilaria senza una precisa intenzione e quando poi ho deciso di realizzare un film su di lei ho continuato nello stesso modo. Credo che sia l’unico modo per rappresentare la nostra relazione intima. La struttura del film ha preso forma durante il suo stesso svolgimento. […] Le scene con Hilaria mostrano la distanza fisica, sociale e culturale che ci separa, e attraverso quest’ottica ho maturato un nuovo sguardo sia su di lei sia su di me; su tutto ciò che riguarda “me” e ciò che riguarda “lei”».