Giuria Premio Cipputi 2017

Francesco Tullio Altan
(Treviso, 1942) ha frequentato la facoltà di architettura di Venezia e alla fine degli anni Sessanta ha vissuto a Roma occupandosi di scenografia e sceneggiatura per il cinema e la televisione. Si è trasferito a Rio de Janeiro nel 1970 e nel 1974 ha iniziato a collaborare con giornali italiani. Tornato in Italia nel 1975, ha creato la Pimpa e ha pubblicato i suoi primi fumetti su «Linus». Due anni dopo è nato il suo personaggio più celebre, Cipputi. Le sue vignette di satira politica sono pubblicate regolarmente dall’«Espresso» e dalla «Repubblica».

Sandro Avanzo
(Italia) Inizia a scrivere nei primi anni Ottanta e diventa collaboratore di numerose riviste, tra cui «Ciak», «Film TV», «Linus» e «Vanity Fair». Dal 1989 si occupa di teatro su Radio Popolare ed è il curatore delle prime rassegne italiane di cinema LGBT. Ha scritto saggi e interventi per Mondadori, Lindau, Feltrinelli, Celip, oltre ad aver firmato le voci dedicate al musical e al teatro di rivista del Dizionario dello spettacolo del ’900 (Baldini e Castoldi, 1998). A partire dai materiali del suo archivio ha realizzato mostre dedicate a Franca Valeri e a Paolo Poli.

Maurizio Zaccaro 
(Milano, 1952), diplomato alla Scuola del cinema di Milano, nel 1977 ha realizzato Overkill, vincitore a Oberhausen. Premiato con un David di Donatello nel 1991 con Dove comincia la notte e nel 1999 con Un uomo perbene, dal 2000 al 2011 ha diretto fiction televisive e miniserie e nel 2009 il documentario Il Piccolo, presentato a Venezia come il successivo Un foglio bianco (2011). Nel 2013, nel 2015 e nel 2016 ha partecipato al Torino Film Festival con i documentari Adelante petroleros - L’oro nero dell’Ecuador, Augusto Tretti: un ritratto e La felicità umana.